Emozioni e relazioni interpersonali all’interno di un gruppo classe

                                            gruppo classe

“In gruppo si parla della propria storia, della paura, delle cose buone, delle guerre, della fede, delle attese. In gruppo i bambini giocano a fare la trottola, il vento, l’astronave, i carri armati, le scimmie o i leoni. In gruppo gli adolescenti esplorano il mondo.”

(Donata Miglietta, psicoterapeuta, didatta della Società Italiana di Psicodramma Analitico e insegnante presso la scuola di specializzazione in Psicoterapia della COIRAG di Milano)

 

Ho concluso da poco un’esperienza di lavoro di gruppo molto intensa e interessante presso la classe di una scuola secondaria di primo grado.

Il gruppo, così come concordato con la coordinatrice di classe, mia co-conduttrice durante l’intera esperienza, è stato pensato come luogo di sensibilizzazione alle dinamiche di gruppo e percorso di inserimento al complesso contesto scolastico che rappresenta la scuola secondaria di primo grado: contesto molto diverso dalle scuole primarie, “palestra” importante di responsabilità e di crescita e luogo di transizione verso la scelta dei percorsi da intraprendere per la lunga strada che porterà fino all’età adulta.

Il gruppo è stato condotto nei primi due anni di scuola della classe, con la speranza di poterlo riproporre anche il terzo anno come chiusura di un importante ciclo di vita scolastica e preparazione ad un ulteriore delicato cambiamento, costituito dal passaggio alle scuole superiori.

Questo percorso è stato caratterizzato da incontri di gruppo a cadenza mensile ai quali hanno partecipato tutti gli alunni del gruppo classe, con la presenza di tre adulti nel ruolo di conduttore, co-conduttore e osservatore.

Ciò che vorrei condividere sono i pensieri di questi ragazzi alla fine di questo percorso.

Le loro riflessioni e la loro riconoscenza ci suggeriscono come il lavoro di gruppo all’interno del contesto classe da parte di uno psicoterapeuta, adeguatamente formato nella conduzione dei gruppi, costituisca un importante strumento di sensibilizzazione alle diversità interpersonali; queste diversità nello spazio protetto del gruppo si trasformano in dialogo, supporto e ascolto reciproco, valori fondamentali per la prevenzione del bullismo e dei fenomeni oppositivo-provocatori nei confronti delle figure adulte all’interno del contesto scolastico.

Questo gruppo ci dà la speranza, in un momento storico in cui il senso di umanità sembra a volte disperdersi, sul come la diversità rappresenti bellezza, forza, collaborazione, supporto, crescita e profonda gratitudine.

Due precisazioni importanti prima di queste preziose testimonianze:

  • Il nome della scuola, della classe e degli allievi non sono stati menzionati per motivi di privacy.
  • Il gruppo non è un gruppo di psicoterapia ma si tratta di un gruppo psico-educativo.

 

Riflessioni di fine percorso

  • “Io in questi 2 anni di incontri con Chiara ho imparato tante cose, ad esempio a stare di più con le altre persone e non stare sempre con le stesse e questo mi ha aiutato davvero tanto e sono felice di parlare di più con i miei compagni. Ora parlo un po’ di quello che è successo nel gruppo e mi sono espressa su delle cose che non avevo mai detto alla classe”
  • “Per me questa prima volta è stata magnifica. Mi ha fatto conoscere meglio la mia nuova classe”
  • “Per me il gruppo è stato molto bello perché ho sconosciuto meglio i miei compagni e perché sono riuscita ad esprimermi”
  • “Cara Chiara, io penso che l’anno con lei sia stato bellissimo e vorrei rifarlo il prima possibile. Però vorrei chiederle se lo facciamo il prossimo anno con più riscaldamento, ad esempio con più balli etc. Ps: Non dimenticherò mai questi 2 anni con lei”
  • “Quest’anno con Chiara, una super prof., abbiamo fatto una volta al mese un incontro di gruppo, tutta la classe seduta in cerchio, nessuno escluso, anche gli assenti. È stato un anno bellissimo, pieno di sentimenti, emozioni, stati d’animo, ma soprattutto insegnamenti per la vita. Chiara, è stato un anno fantastico e se l’anno prossimo non ci sarai ti voglio dire che sei stata come una guida per me. Ti voglio bene”
  • “Quest’anno il gruppo è stato bellissimo e mi piacerebbe tanto farlo anche l’anno prossimo”
  • “Per me il gruppo è stato un modo per avvicinarmi di più ai miei compagni, che ora sono diventati miei amici. È stato un modo anche per sfogarsi con qualcuno di qualcosa che ci faceva sentire tristi, parlandone con qualcuno non ci si sente più soli ma uniti”
  • “Per me il gruppo è stato un momento per potermi esprimere liberamente, per raccontare ai compagni il motivo della mia tristezza o felicità. Mi ha insegnato argomenti importanti (non di scuola) e di rispettare i compagni, anche se sono diversi. Mi ha fatto ricordare episodi avvenuti tempo prima e me li ha fatti vedere con occhi diversi”
  • “Per me il gruppo è stato un’esperienza fantastica, imparando cos’è la diversità e raccontando alcuni episodi della nostra vita. Ci siamo conosciuti meglio, abbiamo fatto molte attività divertenti, abbiamo letto molte favole e condiviso cose belle e cose brutte successe in settimana”
  • “Per me l’incontro di gruppo è stato un qualcosa di magnifico perché mi potevo esprimere come volevo sapendo che qualsiasi cosa doveva restare dentro il gruppo. Per il resto mi sono divertito molto e, anche se non si notava, ho stretto alcuni legami con alcuni amici. Voglio ringraziare Chiara per questa fantastica idea e la Prof. per la disponibilità”
  • “Il gruppo per me è stato un modo per conoscerci meglio, per rafforzare il nostro legame di classe e per esprimere meglio le nostre emozioni. Grazie al gruppo ho imparato molte cose importanti che saranno utili nella mia vita”
  • “Questo gruppo mi ha insegnato l’educazione verso gli altri e inoltre mi ha aperto la testa per novità sul futuro. Grazie!”
  • “Il gruppo per me era un gruppo dove ci si poteva confidare e mi è piaciuta l’attività”
  • “Questo gruppo mi ha insegnato a capire quali sentimenti provavo nelle varie circostanze e mi ha aiutato a conoscere meglio i miei compagni e i miei sentimenti”
  • “Per me il gruppo era un posto dove dire quello che pensi e anche proporre quello che pensi. Mi sono piaciute tanto anche le attività perché erano molto coinvolgenti e non erano monotone”
  • “Questa è stata un’esperienza molto bella in cui abbiamo legato molto e spero di poterla fare anche il prossimo anno”
  • “Per me il gruppo è stato istruttivo e coinvolgente”
  • “Quest’anno il gruppo è stato bellissimo e mi sono divertita tanto con tutti i giochi che abbiamo fatto”
  • “Questo gruppo mi ha insegnato e aiutato molto: mi ha insegnato ad ascoltare le altre persone e mi ha aiutato ad esprimere le mie emozioni con gli altri. E per questo ti ringrazio infinitamente per quello che hai fatto per noi, non riusciremo mai a ricambiare quello che hai fatto per noi”
  • “Per me il gruppo è un’attività fantastica. Il gruppo ti permette di dire cosa si prova quando sei nuovo o nuova (in classe) e ti permette di sfogarti con adulti e amici. In poche parole è questo il gruppo. Grazie di tutto Chiara!”

 

Dott.ssa Chiara Spadaro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...